Home » Eventi » L’Italia che piace a tutta Formentera: il Festival Film

L’Italia che piace a tutta Formentera: il Festival Film

Parte la prima edizione del Formentera Film, dal 6 all’8 maggio 2011. Per tre giorni, cortometraggi, documentari, sceneggiature ed esibizioni di artisti internazionali animeranno la piazza di San Francesc (ingresso gratuito).

Gli ideatori/organizzatori sono Monica Timperi e il marito Silvio Bandinelli, registi italiani che già da diversi anni vivono a Formentera, Carlo Migotto e Viviana Carlet, organizzatori del Lago Film Fest. La storia è questa: Monica e Silvio facendo i giurati a questo festival di cortometraggio italiano – imperdibile per gli appassionati del genere – hanno pensato di organizzarne uno simile a Formentera, coinvolgendola non come semplice palcoscenico, ma come valore culturale da integrare alla manifestazione. Così, hanno fondato con gli stessi organizzatori dell’evento italiano già collaudato, l’associazione culturale senza fini di lucro FormenteraRT, e si sono messi all’opera.

I testi che pubblicizzano il festival sono in catalano. Al  posto della solite immagini copiaincollate, sulla locandina è raffigurata una payesa (contadina) della Formentera dei tempi passati (illustrazione di Marta Muschietti e grafica di Leonardo Lezzi).

Già prima di iniziare il Formentera Film ci piace, ci permette di sentirci un po’ orgogliosi:  in un’isola in cui è arrivata un’immagine di un’Italia non troppo civile, si svolgerà un evento dove gli spaghetti e la pizza sono sostituiti dal meglio della cucina catalana,

dove l’italiano non è la lingua principale (il sito è in catalano, castigliano e inglese), la madrina non è la Canalis ma l’attrice spagnola Lola Dueñas (Premio Goya 2010).

Tutto è pensato per dare un nuovo spazio alla cultura internazionale, senza ignorare l’identità culturale dell’isola. E tutto questo con un’organizzazione totalmente Made in Italy.

Tra gli ospiti speciali anche Blue&Joy, artisti italiani di Berlino che, incredibile ma vero – perché è una coincidenza – sono miei carissimi amici. Forse, a Formentera inizia a trovare farsi spazio un’Italia diversa. Stiamo a vedere. Buona visione!

Per saperne di più, scarica  QUI la rivista online in inglese

Circa Stefania Campanella

Scrittrice di libri di viaggio a Formentera (ma non solo), grande conoscitrice dell'isola e fondatrice di Formentera Filo Blu, un'associazione no profit per promuovere l'isola più autentica. Copywriter e Content Manager come professione, amante del vino e della buone "onde" nel tempo libero.

Leggi anche

Formentera Ladies torna a settembre

4ª EDIZIONE [Vacanza esperienziale per il risveglio delle energie femminili] Prendete un circolo di donne e …

3 commenti

  1. Noi c’eravamo !!! Fantastica serata!

  2. cari compagni sono un’organizatrice cinematografica ho lavorato con Cipri e Maresco e mio marito è un direttore della fotografia lavora per Paolo Benvenuti questo per spiegarvi le scelte artistiche che abbiamo fatto.Ieri ho letto casualmente su Repubblica la nascita del vostro festival e sono rimasta entusiasta,quasi commossa,nel ritrovare persone della mia generazione che ha in comune con me scelte politiche e lavorative.Sono subito andata sul sito di Monica e Silvio e condivido totalmente la loro scelta di ricostruire la loro vita affettiva e lavorativa fuori dal questo Paese che ci sta quotidianamente mortificando,inoltre la scelta di Un’isola perdipiù Spagnola ci sembra entusiasmante.Avrei portato al Festival dei nostri lavori ma siamo già a sabato e mi sembra tardi organizzare il tutto,mi piacerebbe essere contattata da voi per fare dei progetti futuri.Io sono Barbara Spina e mio marito Aldo Di Marcantonio.IN BOCCA AL LUPO! Barbara e Aldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *