Home » Spiagge e Luoghi » Cap de Barbaria: Formentera luogo dell’anima

Cap de Barbaria: Formentera luogo dell’anima

Cap de Barbaria è come: una pista su cui poter decollare, per lasciare la vita delle cose ed entrare in quella dei pensieri.

Ogni volta che c’è la luna piena intorno al faro di Cap de Barbaria si radunano dei ragazzi con i bonghi e iniziano a suonare in attesa della rotonda e magica apparizione.

In piedi davanti all’Africa, terra lontana che fa arrivare con il vento la sua intensità, il faro domina l’immensità del mare e si riposa, dopo aver aiutato per secoli gli abitanti ad avvistare in anticipo gli attacchi dei barbari. Intorno, non ci sono né negozi né locali. Solo un terreno di ciottoli ricoperto di rosmarino e di cardi e un vento che accarezza lo sguardo. Si tratta di correnti sentimentali che si formano ogni volta che si torna quassù, forse perché il paesaggio, anziché estendersi verso l’orizzonte, si espande nell’interiorità di chi lo guarda (da Formentera senza vie di mezzo).

Almeno una volta nella vita, varrebbe la pena stendersi nell’oscurità illuminante che solo il cielo stellato di Cap de Barbaria regala a chi si abbandona sul muretto che circonda il faro. Per chiedersi o quantomeno ascoltare cosa ha da dirci la nostra parte più profonda.

A me spesso ha detto questo:
Ho trovato me stesso quando ho cominciato a volare libero dalle costrizioni e dalla fretta,
ho fluttuato leggero nell’aria e ho visto la mia vita da più in alto, respirando sereno,
pacificato con la mia mente, navigando sicuro di ciò in cui credo, ho cercato e trovato
la vita dentro di me, e ho scoperto che non siamo solo una frazione di tempo….

Traduzione da A Simple Mistake, Anathema. Per ascoltare la canzone vai qui. Si ringrazia Alchemias per l’ispirazione di questo post.

Alchemias Cassander

Circa Stefania Campanella

Scrittrice di libri di viaggio a Formentera (ma non solo), grande conoscitrice dell'isola e fondatrice di Formentera Filo Blu, un'associazione no profit per promuovere l'isola più autentica. Copywriter e Content Manager come professione, amante del vino e della buone "onde" nel tempo libero.

Leggi anche

Perché si chiama Formentera

Su quest’isola di misteri e paradossi ce ne sono diversi. La stessa spiegazione del perché …

Un commento

  1. Grazie Stefania è bellissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *