Home » Artisti » Formentera e il Turismo Creativo

Formentera e il Turismo Creativo

turismo-creativoMetti un pomeriggio di maggio a Treviso, in uno dei più bei palazzi quattrocenteschi del centro città. Metti un gruppo di docenti universitari a parlare di Formentera nell’immaginario comune (tra cinema, letteratura, arte, storia, cultura) e un’associazione culturale che, collegando con un filo blu le anime degli amanti della isla, vuole promuovere il turismo sostenibile attraverso il proprio turismo creativo. E metti, alla fine, un aperitivo insolito, che vi lascerà in bocca il sapore delle erbe di Formentera.

Tutto questo sarà “Formentera a Treviso, Ritratto di un’isola”.

Un intero pomeriggio dedicato alla nostra isola. L’appuntamento è sabato 9 maggio dalle 14.30 alle 19.30 a Ca’ dei Ricchi, sede dell’associazione cultur

ale Tra (Treviso Ricerca Arte), che ci ospita. Cosa faremo? Semplice: racconteremo Formentera, cercheremo di promuoverne un’immagine diversa, fatta di conoscenza, condivisione, rispetto.

locandina

Alle 14.30 il dipartimento di studi comparati dell’Università di Ca’ Foscari (sezione di Iberistica) parlerà dell’isola dal punto di vista della cultura, con interventi di Enric Bou, Alessandro Scarsella, Albert Morales, Katiuscia Darici. Sarà quindi presentato il libro “Formentera, ritratto di un’isola” a cura di Katiuscia Darici (ed. Gran Viale, Lido di Venezia). All’interno del volume sono contenuti due capitoli rispettivamente di Stefania Campanella e di Davide Scalzotto, sulla Formentera durante il periodo hippy e sul Turismo Creativo.

Poi dalle 16.30 la nostra associazione Formentera Filo Blu parlerà della magia dell’isola e degli itinerari culturali che il Filo Blu offre ai soci che vanno a Formentera, con  interventi di Stefania Campanella, Davide Scalzotto, e – direttamente da Barcellona – di Juan Farella. Proietteremo foto, spezzoni dei film di Xavi Gaja, l’intera opera di Lorenzo Pepe “Osservazioni sulla riva”, esporremo i prodotti del Turismo Creativo realizzati dai nostri associati. 

Quindi Alessandro Ceregato, dell’Ismar Cnr di Venezia, ci parlerà di un curioso ritrovamento di una strana mappa a Venezia. Ovviamente riguardante Formentera.

In chiusura, la sorpresa: un aperitivo insolito curato da Ar-Tea, associazione culturale che si occupa della divulgazione della cultura del tè. Carlo Tinti e Gabriella Scarpa prepareranno una serie di infusi con le erbe dell’isola. E per chi vuole, su prenotazione, ci sarà anche la cena (per i soci quota di partecipazione agevolata), dove abbineremo la magia della nostra isola alla tradizione del mangiare e bere bene della Marca Trevigiana.

L’evento ha avuto il patrocinio del Comune di Treviso (assessorato alla Cultura) ed è sostenuto, oltre che da Ca’ Foscari (dipartimento studi linguistici e comparati) e da Treviso Ricerca Arte, anche dall’Ufficio turistico spagnolo di Milano che distribuirà materiale informativo, dal Consell di Formentera, dal Consolato di Spagna a Venezia, dal Casal Català d’Italia e dal negozio Obi di Formentera.

A breve pubblicheremo la locandina completa, che vale come invito a tutti coloro che vorranno esserci.

Circa Stefania Campanella

Scrittrice di libri di viaggio a Formentera (ma non solo), grande conoscitrice dell'isola e fondatrice di Formentera Filo Blu, un'associazione no profit per promuovere l'isola più autentica. Copywriter e Content Manager come professione, amante del vino e della buone "onde" nel tempo libero.

Leggi anche

Artisti della isla

La piazza di San Francesc, la capitale di Formentera, è un luogo materno. Ci si …

Un commento

  1. Ciao Stefania,
    molto interessante il programma, mi piace soprattutto la questione della mappa ritrovata, già perché per lavorare al cappello ho cucito tenendo sempre la mappa di Formentera sulle ginocchia…avevo pensieri buffi tipo le voci di chi l’Isola la abita : “Hei! ma hai cucito male questa insenatura ! Lì c’era casa mia, dove é sparita adesso?”
    Vorrei sapere quanto tempo prima devo arrivare alla mostra per preparare un minimo di allestimento.
    E il bastone da passeggio, cosa faccio? Forse è meglio lasciarlo a Milano.
    Fammi sapere, ti ringrazio. Lia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *