Home » Artisti » I Pink Floyd e la isla

I Pink Floyd e la isla

La relazione tra i Pink Floyd e Formentera inizia nel 1967, con la visita dei componenti dell gruppo formato da Roger Waters e Syd Barrett (scomparso nel 2006), accompagnati dalle rispettive fidanzate e ospiti nella casa del medico Samuel Hutt, meglio conosciuto nel mondo della musica come Hank Wangford.

foto presa da http://www.sydbarrett.com

 L’anno seguente arriveranno a Formentera Aubrey Powell, membro di Hipgnosis che produceva le copertine più belle e impattanti dei dischi dei Pink Floyd, dei Led Zeppelin, degli AC/DC… insieme al suo socio Storm Thorgerson, e David Gilmour, che si innamorerà dell’isola tanto da pubblicare molti anni dopo, nel 2006, un album intitolato “On An Island” (in realtà lo dedicò a un’isola della Grecia, come mi fa notare – e lo ringrazio –  l’amministratore del gruppo Floyd Channel su Facebook,  ma ci piace pensare che gli mancasse anche Formentera🙂, in collaborazione con Phil Manzanera, Graham Nash, David Crosby e Robert Wyatt, fondatore dei Soft Machine. Anche Wyatt era solito frequentare l’isola alla dine degli anni Sessanta.

Powell e Thorgerson erano studenti d’arte e dividevano l’appartamento con Syd, genio del rock e cofondatore dei Pink Floyd nel 1965, dei quali scriveva le parole, esprimendo la sua inquietudine creativa, alla costante ricerca di bellezza e originalità.Il resto della storia è nota a tutti gli appassionati di musica. I wish you were here…

Ma torniamo nelle Baleari.

More è un film girato a Ibiza che racconta l’inizio e la drammatica fine di una relazione amorosa e contemporaneamente del devastante mondo della droga, la ricerca personale e l’incontro con l’amore libero. Questo e la musica composta dai Pink Floyd come colonna sonora contribuirono a farne una pellicola “generazionale”. Uno dei due sceneggiatori era Schroeder, che conosceva dalla gioventù Ibiza e Formentera. Questo è il film completo:

La copertina del disco raffigura uno dei mulini dell’isola di Formentera, nello specifico, quello di Sant Ferrán, disegnata proprio da Hipgnosis. La stessa immagine la troverete oggi in diversi bar tipici dell’isola (vi metto anche il vinile, solo per intenditori;)

Ma non è finita. C’è una cosa che mi fa pensare ai Pink Floyd e allo studio creativo Hipgnosis ogni volta che la vedo. È la finestrella in alto a sinistra nella chiesa di San Francesco… Cosa vi ricorda? Ovviamente non vi metto la foto, dovete andarci di persona e vedere 😉

SE VOLETE PARTCIPARE ALLA VACANZA DI GRUPPO CHE STIAMO ORGANIZZANDO A FORMENTERA PER FINE MAGGIO 2018 DEDICATA ALLA FORMENTERA HIPPY CONTATTATEMI

 

Per reperire info utili all’articolo ho consultato gli articoli online del giornalista Pedro Matilla.

Circa Stefania Campanella

Scrittrice di libri di viaggio a Formentera (ma non solo), grande conoscitrice dell'isola e fondatrice di Formentera Filo Blu, un'associazione no profit per promuovere l'isola più autentica. Copywriter e Content Manager come professione, amante del vino e della buone "onde" nel tempo libero.

Leggi anche

Pochi sanno che…

Dietro a Es Calò – la località che si incontra sulla strada principale prima di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *