I mulini di Formentera

mulino formentera
Il mulino di Formentera

Ho già scritto diverse volte l’importanza dei mulini per Formentera: lo stesso nome dell’isola deriva dal latino “frumentaria”, l’isola del grano.

Nella guida di Valeria Merlini leggo anche che: I primi mulini per ottenere farina erano denominati “molins de sang” (mulini di sangue) e venivano attivati dalla trazione animale.

I mulini, insieme alle torri e alle chiese, vennero realizzati per dare un senso di sicurezza al ripopolamento dell’isola, che per diversi secoli rimase disabitata a causa della peste e delle incursioni.

Ancora oggi i mulini di Formentera sono visibili nei pressi delle principali località, alcuni ridotti a ruderi, altri restaurati e visitabili, altri ancora trasformati in appartamenti da affittare!

E allora vale la pena raccontare brevemente la storia di ognuno, incluso quello comparso sulla copertina dei Pink Floyd.

Tutti i mulini di Formentera

Li metto in ordine casuale, ma vi segnalo il paese più vicino. In generale, solo il primo a mio avviso merita una visita. Poi se volete divertirvi a fare un selfie davanti a quello finito sulla copertina di More, vi capisco.

Molí Vell (vecchio mulino), La Mola

Il Mulino vecchio di Formentera

Il Vecchio Mulino (1778) si trova a pochi metri dal paesino Pilar de La Mola, potete raggiungerlo sia a piedi che in auto, ma parcheggerete in un cammino sterrato, quindi meglio fare una breve passeggiata.

Il mulino è stato restaurato ed è visitabile. L’ingresso è gratuito. Nella micro-casetta a fianco del mulino, sembra ci abbia dormito Bob Dylan nel 1967, ma resta una leggenda isolana al momento.

A pochi metri dal mulino vecchio, c’è anche il Molí d’en Botigues.

Molí d’en Teuet, Sant Ferran

pink floyd formentera
copertina dell’album More

 

 

 

 

Venne costruito nel 1773 ed è rimasto lì, ma è celebre per essere finito nella copertina dell’album “More” dei Pink Floyd (e mi pare proprio che alcune scene dell’omonimo film vennero girate qui).

Molino Sa Miranda, Sant Francesc

Questo mulino è stato trasformato in un appartamento.

Per il resto, giusto per cronaca, ricordiamo:

  • il Molí d’en Mateu, a Sant Francesc Xavier, costruito nel 1763, smise di essere utilizzato nel 1965.
  • Molí de des Roques, Sant Ferran, costruito nel 1797, di cui resta una torre che venne poi inglobata da una abitazione privata.

  • Molí d’en Jeroni, Sant Francesc Xavier.

  • Molí d’en Simon, Es Cap de Barbaria (di cui rimangono solo le fondamenta).

    Certo è strano pensare che questi mulini abbiano funzionato fino agli Anni ’60. Ma d’altronde a Formentera la stessa luce arrivò solo 40 anni fa (e non dappertutto!).

Se vi piacciono le storie un po’ nascoste dell’isola, oltre a queste dei mulini di Formentera, vi consiglio quella delle torri di difesa.

Circa Stefania Campanella

Leggi anche

canzoni formentera

Canzoni su Formentera che non vorresti mai ascoltare

Canzoni su Formentera (trash/orride) Non avrei mai pensato di scrivere un post che parlasse delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *