Sant Ferran a Formentera

sant ferran formentera

Sant Ferran a Formentera: cosa fare e cosa sapere

A Sant Ferran de ses Roques, uno dei paesi di Formentera, ci si va principalmente per un motivo: il Fonda Pepe, un famosissimo locale sulla via centrale, dove non passano le macchine, ma da cui è passata tanta storia hippy.

In realtà sarebbe “la Fonda Pepe”, in quanto nacque come locanda per gli abitanti che si recavano alla festa del patrono.

fonda pepe san ferran

Ora sono i turisti a darsi appuntamento qui a una certa ora, per chiacchierare a suon di chupitos anche fino all’alba.

Per chupito si intende un bicchierino di liquore, spesso aromatizzato, buttato giù tutto d’un sorso.

Nonostante sia formato da una manciata di case, da qualche negozio e da pochi locali, il paese festeggia un proprio patrono (il 30 maggio) e possiede un cimitero a parte.

Non fatevi dunque ingannare dalle dimensioni, a San Ferran c’è tanto da vedere. Ecco le principali attrazioni che vi consiglio di non perdere.

Cosa Vedere a San Ferran

Nonostante si tratti di un paesino piccolissimo neanche troppo vicino al mare, a Formentera Sant Ferran è una tappa obbligata per respirare quel che resta del periodo.

Fonda Pepe

fonda pepe san ferran
Foto di Reinald Wunsche del Fonda Pepe negli anni ’60

Il Fonda Pepe (in realtà bisognerebbe dire “la” in quanto nasce come locanda) è il posto più legato alla storia hippy di Formentera.

Nato negli anni ’50, ancora oggi ha mantenuto quell’atmosfera sognante e semplice che caratterizzava quel periodo.

Era proprio qui davanti che gli hippy arrivati a Formentera si riunivano tra il 1960 e il 1970.

Oggi potete andarci per bere qualcosa senza troppe pretese (vi consiglio una hierbas con ghiaccio), chiacchierando con chi c’è… 

Mercato artigianale

quadri formentera

Da qualche anno, il paese ospita un nuovo mercato artistico, dove espongono i pittori dell’isola, tra cui Nuria Fortuny, Teresa Matilla e Jordi Torrent.

Tutti iscritti all’ADAF, l’associazione degli artisti di Formentera. Masticando un po’ di spagnolo e passeggiando tra un padiglione e l’altro ci si può far raccontare il legame tra Formentera e le opere esposte.

Le bancarelle si trovano lungo Carrer Major ed è aperto da maggio a ottobre, tutti i giorni tranne mercoledì e domenica, dalle 20.00 a mezzanotte.

Piazza della chiesa

La chiesa che si incontra sulla piazzetta di San Ferran risale al 1785 e venne dichiarata Bene di Interesse Culturale nel 1996. Nei mesi estivi qui si svolgono esibizioni di artisti di strada e i giovani si raggruppano per suonare con la chitarra.

Siamo a pochi metri dal Fonda Pepe, quindi dalle 23.00 in poi l’estate c’è sempre molto movimento.

Formentera Guitar

Nascosto in una delle vette interne di questo minuscolo paese, c’è il laboratorio di Formentera Guitar. Si tratta di luogo legato a una storia di rock, di musica e soprattutto di chitarre tirate dentro il mare di Formentera…

Sono i proprietari di questo bizzarro negozio a organizzare due notti di musica a settembre proprio in piazza a San Ferran.

Se volete conoscerla, la racconto nel libro Formentera non esiste, insieme a tante storie interessanti sull’isola.

Concerti gratuiti

Ogni venerdì sera in alta stagione, potrete assistere a ottima musica dal vivo in piazza con movimentate jam session. Solitamente si inizia verso le 22.30 e si alternano varie band isolane. La gente balla in piazza e sono tutti gratuiti.

Biblioteca International

biblioteca internacional formentera

Superando il Fonda Pepe e la piazza con la chiesa, sulla sinistra buttate un occhio all’edificio bianco con un grande cancello basso. Questa era la casa/biblioteca di Bob Lewis Baldon

Cosa c’è nei dintorni

  • Cala en Baster: il nome “baster” fa riferimento all’artigiano che produceva guarnizioni in pelle destinate agli animali da trasporto (come le selle). Si tratta di una cala rocciosa, molto suggestiva per la trasparenza dell’acqua e per la vista panoramica su Ibiza.
  • Torre Punta Prima: nei pressi di Cala en Baster si trova anche una delle torri di difesa di Formentera
  • Mulino Pink Floyd: la copertina dell’album “More” raffigura proprio uno dei due mulini di Formentera ancora visibili a San Ferran.pink floyd formentera
  • Ses Roques, un locale dove sentirsi liberi e dove ascoltare musica di band isolane

San Fernando (San Ferran in italiano) conserva ancora oggi un’atmosfera surreale, come se l’aria che si respira fosse, in certi momenti, la stessa di tanti anni fa…

Continua a scoprire le storie della Formentera hippy, io non smetterei mai di leggerle, perché mi riportano a un’epoca spensierata e libera, anche se – ovviamente – non ero ancora nata.

Circa Stefania Campanella

Leggi anche

cosa fare a formentera

Cosa fare a Formentera almeno una volta

Anche se al momento sarebbe già sufficiente poterci rimettere piede, ecco un nuovo articolo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *